Come ridurre il rischio di perdita nel trading binario

Il trading binario è un’attività finanziaria e come tale è naturale che non sia esente dai rischi.

E’ vero che il rischio nel trading binario risulta inferiore rispetto a quello di tante altre attività di investimento e trading, ma questo rischio esiste sempre e comunque; allora vorrei darti qualche semplice consiglio su come abbassare ulteriormente la possibilità di perdita.

Il buon trader non è quello che non rischia, questo è destinato a rimanere inattivo sul mercato e cosa più importante a far arenare i suoi profitti.

Il buon trader è quello che riesce a tenere i rischi sotto controllo e ne ha piena consapevolezza. (altro…)

Come migliorare il tuo Trading: consigli pratici

Vuoi migliorare le tue prestazioni nel campo del trading binario ma non sai come fare?

In tanti oggi investendo e non sempre riescono ad ottenere i traguardi che si erano prefissati, ma questo problema spesso può dipendere semplicemente dalla mancata osservanza di alcuni accorgimenti che potrebbero migliorare le prestazioni, continuando a leggere questo breve articolo ti mostrerò di quali accorgimenti stiamo parlando.

Migliora il tuo trading ed aumenta i tuoi guadagni

Un primo consiglio che vorrei facessi tuo è in una parola: informati! (altro…)

3 requisiti che la tua piattaforma di trading deve avere

Per fare trading binario, si sa, c’è bisogno di una piattaforma di trading, ossia hai bisogno di poter analizzare il mercato ed investire dalla tua scrivania.

Tra i fattori che devi tenere assolutamente presenti c’è quello della qualità di questa piattaforma, non tutte infatti, sono uguali.

Noi riteniamo molto importante per i trader scegliere una piattaforma affidabile sotto diversi punti di vista, andremo quindi ad evidenziare quali sono i 3 requisiti più importanti che ogni trader deve prendere necessariamente in considerazione prima di aprire un conto presso un broker di opzioni binarie.

3 requisiti fondamentali che devi considerare

1º requisito: Semplicità di utilizzo

Che tu sia esperto o principiante non conta, un requisito fondamentale della tua piattaforma deve essere quello della semplicità di utilizzo. L’ interfaccia deve essere intuitiva e diretta ma non per questo scarna. Ti consigliamo di scartare fin dal principio quelle piattaforme che sin dal primo ingresso non rispondono ai canoni suddetti, eviterai così il rischio di fare errori cliccando in posti sbagliati, e questo è un bene considerando che c’è in ballo il tuo denaro ed il futuro della tua libertà finanziaria.

2º requisito: Professionalità

Assicurati sempre che il broker e la piattaforma da te utilizzati siano di livello professionale. Quelli che non lo sono non offrono nessun tipo di assistenza ai trader e tendono ad essere confusionarie mettendo a rischio i tuoi investimenti. Verifica che ci sia un servizio di assistenza come una livechat, che è molto efficace, potrai in questo modo sentirti sempre tutelato nel tempo che dedichi al trading. E’ importante inoltre che la piattaforma sia fornita di strumenti di analisi facilmente consultabili, come ad esempio:

3º Requisito: Grafici dei prezzi affidabili, comprensibili ed in tempo reale

Cosa sarebbe un trader senza i cari grafici riguardanti l’andamento dei prezzi sul mercato. Bene, nella tua piattaforma questi grafici devono garantirti la massima affidabilità e devono necessariamente essere in modalità tempo reale. Per operare e prevedere nei tempi giusti l’andamento dei prezzi il trader deve avere sempre la possibilità di basarsi su dati certi e reali, questo è un presupposto irrinunciabile per il raggiungimento dei tuoi risultati. Il grafico che osservi deve essere quindi chiaro, il valore dell’asset deve poter essere analizzato in diverse unità temporali, in modo da offrirti la possibilità di realizzare investimenti sempre più precisi e con scadenze differenti.

All’interno del nostro portale abbiamo organizzato sezioni specifiche per consentirti di operare in modo professionale ed imparare le basi del trading online in opzioni binarie. Hai a disposizione la sezione strategie  nella quale puoi imparare le migliori strategie che attualmente i professionisti utilizzano. Inoltre, nella sezione “suola di trading”puoi imparare le basi del trading binario, seguendo un percorso lineare che ti porterà ad ottenere guadagni costanti dalla tua attività di trading

La fortuna nel trading binario conta davvero?

Anche coloro che non hanno mai operato nel mondo del trading online, negli ultimi tempi si sono interessati al mondo delle opzioni binarie.

Crescono, infatti, in maniera esponenziale gli utenti che, incuriositi da queste tanto chiacchierate opzioni binarie, si sono trasformati in trader di successo, facendo del trading online il proprio lavoro.

Le opzioni binarie posso diventare uno strumento di guadagno, anche per chi non ha alcun tipo di esperienza in questo settore. E’ proprio la semplicità di utilizzo che differenzia il trading binario dal trading forex.

Il mondo delle opzioni binarie è accessibile a tutti, sono poche infatti le cose che bisogna conoscere per operare in questo settore. L’importante è seguire alcune regole fondamentali.

Certo, la fortuna, come in ogni cosa, fa la sua parte, ma per armarsi solo di fortuna bisogna essere fin troppo audaci. Operare nel trading in opzioni binarie non è una scommessa, ma è una materia rigorosamente razionale. Infatti, per riuscire a ricavare guadagni notevoli è necessario che il trader conosca tutti i segreti del mondo del trading binario.

Sei sei un aspirante trader, e guardi ancora alle opzioni binarie con una certa diffidenza, questo articolo si rivelerà davvero utile. Vogliamo spiegarti, infatti, che per svolgere la tua attività di trading è necessario conoscere e seguire le regole dominanti del mondo del trading online in opzioni binarie.

Non è necessario che tu sia in possesso di particolari requisiti, così come non è importante che tu disponga di un esorbitante capitale, l’unica cosa necessaria è avere un computer, tablet o smarphone ed una buona connessione ad internet.

Comincia a fare trading in pochi e semplici passi

Bene, se possiedi queste due cose sei pronto ad iniziare, l’importante è ovviamente cominciare con il piede giusto. Per farlo devi solo seguire pochi e semplici passi che ora ti mostreremo.

1.Passo: Scegliere il broker

  • Per iniziare la tua attività di trading è necessario che tu apra un conto presso un broker. I broker sono, infatti, lo strumento che ti consente di iniziare ad investire. La prima cosa da fare è scegliere il broker che ritieni faccia al caso tuo, prestando particolare attenzione ai requisiti fondamentali che ogni buon broker deve possedere, primo fra tutto è la licenza europea rilasciata dalla Cysec ( o da un altro ente di controllo autorizzato).

2.Passo: Aprire il conto

  • Una volta scelto il broker non devi far altro che visitare il suo sito e cliccare sulla voce “apri conto”, effettuare l’iscrizione, compilare quindi gli appositi spazi che richiedono l’inserimento dei dati personarli, ed effettuare un primo deposito. Ogni broker prevede un deposito che ammonta a cifre differenti. Puoi trovare le specifiche di ogni broker nella nostra pagina dedicata ai migliori broker di opzioni binarie.

3.Passo: Utilizzare la piattaforma di trading

  • Bene, a questo punto sarai pronto per iniziare la tua attività di trading. Per farlo è necessario utilizzare la piattaforma di trading offerta dal broker, che quasi sempre si trova sul sito web del broker, non è quindi necessario scaricare alcun tipo di software. Utilizzare la piattaforma di trading è semplicissimo, ti basta scegliere l’asset, ossia il bene finanziario scelto da te su cui speculare, immettere l’importo che scegli di investire, ricorda, però, che ogni broker imposta un trade minimo, ossia una somma minima da utilizzare per un unico investimento, e scegliere se investire nella salita o discesa del prezzo dell’asset.

Esiste una falla nelle opzioni binarie?

Da che mondo è mondo gli uomini si interrogano e si arrovellano su una questione, è possibile fare i soldi facili?

Il corollario naturale a questa domanda è se esista o meno un qualche bug o un errore ovvero una falla anche nel mondo delle opzioni binarie che puo essere sfruttata per diventare ricchi.

Una delle possibili falle individuabili nel sistema consiste in un ritardo sulle quotazioni nella piattaforma dei broker, ossia quando il valore di un qualsiasi asset risulta in ritardo rispetto a quello attuale.

In pratica è come avere la proverbiale palla di cristallo che ti permetterebbe di andare sul sicuro nel tuo investimento, essendo sempre certo che quel determinato asset salirà o scenderà di valore nell’immediato futuro, sarai cosi sempre pronto a battere cassa. (altro…)

Ebook utili per il trading in opzioni binarie

Sei intenzionato a fare trading in opzioni binarie, ma sei alle prime armi e non sai proprio da dove cominciare?

Bene, sei davvero nel posto giusto, come già saprai fare trading con le opzioni binarie è un’attività alla portata di tutti al giorno d’oggi, i concetti fondamentali da imparare sono pochi e di immediata comprensione, ma se vuoi sempre tenerli presenti ti basterà fare tuoi gli Ebook presenti su tre dei principali broker di opzioni binarie: TopOption, OptionTime ed Anyoption.

Gli ebook di opzioni binarie sono gratuiti

Questi ebook utili per il trading in opzioni binarie sono gratuiti, si hai capito bene, puoi ottenere le dritte migliori e tutti gli strumenti adeguati a cominciare il tuo commercio gratuitamente, ti basterà fare la registrazione al sito del broker da te scelto per consultare gli ebook. (altro…)

Un approccio alternativo al Macd : Camelback

Il Macd, che è basato sulla costruzione di due medie mobili, ha una serie di limiti cognitivi.

In alcuni casi, può essere adeguato un approccio alternativo che permetta di correggere tali limiti.

Ci riferiamo ad una tecnica, ancora in fase di sperimentazione, nel trading binario e non ancora diffusa: Camelback.

Ecco come funziona.

Quali sono i limiti del Macd?

Cerchiamo di capire perché il MACD non sempre adempie alla sua utilità previsionale a dovere:

  • la funzione segnaletica che cerca di cogliere sia la convergenza dei prezzi medi, sia la divergenza non è sempre valida se non si riescono a catturare i prezzi, perché vi è poca densità dei volumi di quotazione
  • ci basiamo su parametri standard che di solito sono ideali per tale modello (in particolare, il frame rate a 12 periodi e 26 periodi). Il problema è che non sempre quello che troviamo di fronte può essere aderente al modello pre-impostato. Ad esempio, potrebbe capitare che la reattività dei prezzi è talmente rapida, da “falsare” anche l’analisi su 12 periodi
  • le medie incorporano sempre dei ritardi e soprattutto se riferite al complesso dei prezzi osservati nel lasso di tempo considerato.

Allora, si è pensato ad un’alternativa che potrebbe compensare i limiti del Macd, ma non lo sostituisce. Potrebbe essere una soluzione adeguata in determinati contesti di mercato.

Un approccio basato sulla doppia media aritmetica ed una esponenziale

Con la tecnica di Camelback, l’analista calcola 2 medie, di cui una disgiuntamente per le osservazioni dei prezzi di minimo ed un’altra per le osservazioni dei prezzi di massimo. La logica base è che così si evita la dispersione delle osservazioni medie attorno ad una serie di valori che oscillano, al punto tale che come sappiamo, e soprattutto con la media aritmetica, se un prezzo è superiore agli altri, alza la media. Quindi, consideriamo o valori tutti grandi o valori tutti piccoli, in modo da evitare questo “effetto domino” che potrebbe generare falsi segnali.

Le 2 medie devono essere riportate ad uno stesso frame rate o periodo.

Ricorriamo ad una terza media, questa volta di tipo esponenziale in cui si ha modo di avere una sintesi segnaletica più incisiva (chiaramente, neanche in questo caso, la dinamica dei prezzi deve essere piatta).

Qual è quella più lenta e quale la più veloce tra le medie? La media esponenziale, proprio per le sue caratteristiche sarà quella più veloce (ad es. frame rate pari a 15) mentre le medie aritmetiche saranno più lente (ad es. 40 periodi).

A questo punto, non ci resta che osservare la dinamica di movimento della media esponenziale tra le due medie aritmetiche per cercare di entrare sul mercato, in fase toro (rialzista) o orso (ribassista).

Come sfruttare le trend line con le opzioni binarie

Le opzioni binarie ci hanno insegnato, meglio del forex o di altre tipologie di investimento in cui l’orizzonte di medio/lungo termine è più frequente, ad osservare le dinamiche dei prezzi man mano che si presentano, ritracciando importanti dinamiche “adattive” dei prezzi, e non necessariamente ricorsive (non si deve per forza prendere spunto dal passato, il passato in alcuni casi può non contare nulla per il presente ed il futuro).

Alcuni traders prediligono ricostruire, attraverso un trading veloce, le trend line, ogni volta che notano un andamento interessante.

Cosa sono le trend line?

Le trend line evidenziano il trend in atto che può essere crescente (si devono congiungere i punti di minimo, nel lasso selezionato che ci interessa) o decrescente (si devono congiungere i punti di massimo, nel periodo in cui abbiamo interesse ad effettuare delle previsioni). Esse, pertanto sono cosa molo diversa dal trend dei prezzi che viene catturato in tanti modi (ad es. metodo delle medie mobili adattive).

E’ il trader che decide di focalizzarsi su un particolare orizzonte tattico (e non strategico o di medio/lungo periodo di investimento).

Ecco un esempio che vi può aiutare a cogliere meglio le differenze:

trendline2

Da qui potete capire la distinzione tra i livelli di resistenza e di supporto statici o dinamici che sono dei riferimenti puntuali riferiti al trend complessivo dei prezzi in atto e le trend line. Quest’ultime siamo noi a tracciarle, in modo tattico. Il fatto che i prezzi abbiano oltrepassato la nostra trend line, poco ci interessa dato che vogliamo come identificare una “tendenza” locale dei prezzi manifestatasi mediamente ma senza volgere uno sguardo a cosa abbiano fatto i prezzi prima.

Spesso potremmo associare una “linea del canale” alle trend line. Che cosa è la linea del canale? Una linea intermedia che si muove in sincronia con le trend line. A che cosa ci può servire? A verificare la vicinanza tra i punti uniti con le trend line di resistenza e le trend line di supporto ed a capire qual è il momento in cui i prezzi tenderanno a cambiare.

Pensateci un po': se il gap tra trend line di resistenza e trend line di supporto è ridotto, vuol dire che non vi è grande differenza fra i volumi di acquisto ed i volumi di vendita del mercato. Quindi, molto probabilmente sta finendo la fase laterale e quando le due trend line tendono ad incrociarsi dobbiamo prepararci al “cambiamento” di spessore del mercato, se i rumours economici lo controconfermano.

Riusciamo a vedere, in un modo molto empirico, quello che ci dice “in numeri” un oscillatore di mercato. Potremmo anche continuare su un trend laterale ma ciò non può durare per sempre.

Una caratteristica delle trend line è appunto il fatto che le due linee tendono progressivamente ad incontrarsi e noi dobbiamo cercare di prepararci gradualmente all’investimento iniziando con un basso impiego di capitale ed aumentandone l’impiego man mano che le due linee tendono a ri-allargarsi.

Quindi, concludendo le trend line non ci danno indicazioni di analisi tecnica e non sostituiscono assolutamente le strategie per le opzioni binarie che man mano studiamo ma certamente costituiscono un utile indicatore tattico per pianificare l’ingresso sul mercato, dato che anche la migliore analisi tecnica spesso deve scontare gli imprevisti del mercato.

Vi sono alcuni limiti di tale approccio che richiede un equilibrato alternarsi tra ipercomprato relativo ed ipervenduto relativo. Se, invece, vi è una chiara direzionalità si ha molta difficoltà a tracciare delle trend line che contino qualcosa. Ecco un esempio con il cambio Dollaro Usa/Franco Svizzero, tratto da uno dei migliori broker (24Option).

usdchf2

Come potete vedere si tende verso l’alto e man mano i livelli di supporto cedono con uno stacco netto che la dà vinta ai compratori. Questo perché? Innanzitutto per l’orario a bassa volatilità e poi per il clamore che c’è intorno al dollaro (ultimamente si sta rafforzando giocoforza rispetto alle altre valute) ed al franco svizzero (riuscirà la Svizzera a sostenere il cambio, soprattutto dopo il referendum sull’oro?).

In effetti, se il referendum dovesse essere positivo (l’oro rimpatria verso la Svizzera), la Svizzera dovrà aumentare il peso delle riserve di valuta estera, in collaterale rispetto all’oro. Quindi, dovrà domandare valuta estera e cedere franco svizzero. Il franco svizzero si deprezzerà ulteriormente rispetto al dollaro Usa (ci vogliono più franchi svizzeri per ottenere un dollaro Usa; di conseguenza Usd/Chf aumenterà) Ma ciò potrebbe anche sconvolgere del tutto i piani di parità con l’Euro (la famosa quota 1,20), dato che i margini di intervento della banca centrale si ridurrebbero considerevolmente.

Insomma, un bel po’ di pressione dei rialzisti sul mercato del cambio. Qui, il nostro approccio induttivo non ha l’equilibro per poter funzionare.

L’indice della paura Vix. Conta qualcosa?

Alcuni indicatori ci permettono di riuscire ad osservare meglio il mercato per capire un po’ eventuali effetti a catena sull’andamento generale di un mercato.

La fortuna che abbiamo con le opzioni binarie è poterci concentrare soltanto sui corsi intra-day, a prescindere dalla chiusure giornaliere.

Ma capire se i mercati saranno più freddi o più caldi può servirci, e molto, anche con le opzioni binarie. Potremmo decidere di scegliere tra strategie basate sulla direzionalità, in periodi di bassa volatilità e viceversa.

Oggi, quindi, vi lasciamo qualche accenno su uno degli indici recentemente più noti, dato anche il volano del listino Usa: l’indice della paura Vix.

Il mercato delle opzioni Vanilla

Con l’indice della paura Vix consideriamo l’intensità con cui il pubblico domanda le opzioni (non confondete con le opzioni binarie, le opzioni vanilla). Il mercato delle opzioni, così come il mercato future, riflette le aspettative rialziste e ribassiste degli operatori sul mercato. Ci interessa sapere ciò anche con le opzioni binarie? Certamente, se l’indice denota una ripresa della “volatilità” di quel mercato (tendenza dei prezzi a cambiare di molto).

Il sottostante a cui, però, si riferisce l’indice della paura Vix è l’indice S&P 500 che, come ben sapete anche con i broker binari, è l’indice riferito al listino tecnologico Usa.

Proprio recentemente, l’indice S & P 500 sull’onda delle entusiastiche notizie sull’economia Usa ha raggiunto nuovi massimi ed aveva destato particolare attenzione proprio l’indice della Paura Vix che, per un certo periodo di tempo, è rimasto ai minimi di quotazione.

Tale valore dell’indice ha aumentato la sua “prestanza” segnaletica, dal momento che la Fed ha deciso per lo stop del Quantitative Easing a tassi invariati. I fondamentali economici ed il consistente miglioramento dei tassi di disoccupazione hanno fatto il resto:  l’indice della paura Vix, a questo punto, a livelli così bassi indicava la propensione degli investitori ad acquistare Call, anziché put, dato che ci si attende che il mercato specifico crescerà.

E’ possibile utilizzare l’indice della paura con le opzioni binarie?

Con le opzioni binarie, comprendere il sentiment del mercato su cui decidiamo di investire, può essere importante. Il problema che potremmo avere, però, con l’indice della paura Vix è che non ci dà indicazioni sul giusto momento di ingresso nel mercato, in fase rialzista o ribassista.

Come avrete certamente capito, infatti, non è solo importante avere un segnale su forti rialzi o ribassi del mercato ma anche entrare nel momento giusto. Tutto sommato, per chi investe nel listino Usa, le correlazioni tra l’indice della paura Vix ed il mercato azionario sono state di tutto rilievo e resta un indicatore dall’elevato contenuto informativo.

Altre informazioni che possiamo estrapolare dal mercato

Ecco cosa non dovremmo mai trascurare nel mercato per avere la contro-conferma che ci potranno essere i rialzi o i ribassi che ci attendiamo e che abbiamo previsto con strumenti previsionali più completi:

  • I volumi scambiati su quel tipo di mercato. Se un mercato è poco liquido, lo noteremo dai volumi di scambio pubblicati da Borsa italiana o dalla Borsa di riferimento e che, di norma, sono pubblici. Il fatto che il mercato sia poco liquido, significa che non vi saranno forti scossoni improvvisi e dobbiamo puntare esclusivamente sulla direzionalità. Quindi, niente “mordi e fuggi” che non hanno senso alcuno
  • Gli oscillatori e gli stocastici che ci fanno capire il grado di risposta degli investitori e devono essere associati alle analisi tecniche di maggiore spessore.

Insomma, sappiamo che un’intera strategia non possa essere fondata su tali indicatori o su queste informazioni ma sicuramente con una sicurezza in più, nel sapere se vi sarà una forte fase “toro” o “orso” (il clima generale dei mercati ha sempre rappresentato un forte canale di trasmissione ai singoli asset che vi fanno parte) saremo più preparati nell’evitare falsi segnali, che sono molto frequenti con le opzioni binarie se non si riesce a recepire bene cosa farà il mercato.

Topoption è una soluzione adeguata per i trader inesperti?

TopOption, tra i migliori broker di opzioni binarie, cerca di essere alla portata di tutte le esigenze dei traders, dai principianti ai più esperti.

Vediamo quali sono le sue caratteristiche e perché è uno dei più efficienti broker, in quanto a versatilità, intuitività e semplicità di utilizzo.

Conto Starter per principianti: Una buona base di partenza

Dal riquadro sottostante, potete desumere i privilegi che avete anche con soli 100 euro di partenza. La formazione personalizzata non è preclusa ed anzi garantita a chi si sta avvicinando per la prima volta al mondo delle opzioni binarie.

topoption

In più, TopOption sta aumentando i servizi in dotazione dell’utenza, introducendo una nuova sezione appositamente dedicata ai Webinars, ovvero ai corsi di formazione dal vivo. L’interattività è in primo luogo, predisponendo una libreria video elettronica anche per i principianti che gradualmente vogliono maturare maggiore esperienza con le opzioni binarie, aprendo conti di trading dai benefici più esclusivi (ad es. formazione 1 a 1 senza limiti ed assistenza anche fuori dalle ore di trading).

Disponibili anche le opzioni builder e le opzioni pro

Non sono offerte da tutti i migliori broker ma spiccano nel ventaglio di offerta di TopOption le opzioni builder e le opzioni pro. Perché Topoption ha deciso di includerle nel set proposto per i suoi affezionati clienti?

Esse rappresentano un vantaggio indubbio per chi ritiene di aver maturato le basi fondamentali per essere in grado di personalizzare o di valutare più approfonditamente le scelte di investimento:

  • scegliendo quanto rischiare e quanto guadagnare. Chiaramente, capirete che il profitto è strettamente associato alla protezione del capitale. Tanto meno decidiamo di rischiare, tanto minore sarà la percentuale di profitto associata. Le opzioni builder sono per chi, maturando man mano esperienza nel campo, ha imparato ad auto-valutare il proprio grado di esposizione ottimale, per tipologia di operazione, o in ogni caso, ha abbastanza chiaro qual è il suo livello di propensione al rischio. I principianti, così, imparano a crescere sulle proprie gambe

builder

  • utilizzando gli strumenti per la personalizzazione dell’investimento. Si può scegliere di posticipare la scadenza (rollover), raddoppiare l’investimento sul singolo trade, entro un’ora prima della scadenza vendere anticipatamente l’opzione, avere la possibilità di fare previsioni sulla performance relativa tra un pair di sottostanti (opzioni coppia), riuscire a visualizzare graficamente l’intera storia dei sottostanti anche di una settimana addietro. Spesso, la “memoria” della dinamica storica è importante per riuscire a focalizzare importanti figure di analisi tecnica che, in un’osservazione istantanea del corso dei prezzi, vengono trascurate

La completezza al vostro servizio con Topoption

Topoption è un broker completo da tutti i punti di vista. Presenti anche le opzioni 60 secondi per il trading veloce e le redditizie opzioni one touch.

Si può, inoltre, aderire, valutandone la convenienza, ad importanti vantaggi esclusivi e bonus (ad es. bonus di benvenuto, bonus invita un amico).

La piattaforma è semplice ed intuitiva da gestire con pochi e semplici click di mouse. Topoption si è adeguata alle nuove esigenze dell’utenza, sempre più dinamica e ha approntato un efficiente supporto mobile per chi volesse fare i trade anche fuori da casa, ovunque si trovi, e senza alcuna differenza con il sistema di trading da portatile o fisso.

Molta importanza viene data alla rapida e pronta informazione, aggiornando il calendario economico, in modo da avere a portata di mano, per grado di importanza ed orario, le notizie da 1 a 3 tori che hanno un certo spettro di influenza sul livello delle quotazioni.